Lombalgia

 In Patologie

Con il termine lombalgia, spesso anche mal di schiena, si intende una condizione di sofferenza e dolore con segni (ciò che coglie il fisioterapista) e sintomi (ciò che comunica il paziente) che si localizzano appunto a livello della zona dei lombi, ossia nella fascia di circa 20 cm al di sopra dei glutei.

Tra i vari segni e sintomi spesso presenti i più frequenti solitamente sono una certa limitazione nel movimento di flessione con dolore lungo l’arco di movimento, dolore in estensione, spasmo muscolare nella zona lombare, quest’ultimo soprattutto nella fase acuta del problema.

Solitamente il paziente prova dolore nel rimanere seduto a lungo o in piedi fermo, in particolare dopo il risveglio al mattino quando la mobilità è peraltro normalmente ridotta e “arrugginita”.

In MedicRiab l’approccio del fisioterapista è innanzi tutto di valutazione della meccanica articolare della colonna vertebrale: molto spesso la lombalgia è provocata da un’ipermobilità dei segmenti lombari bassi, L4-L5 e/o L5-S1, con solitamente una certa rigidità della colonna dorsale bassa e/o una rigidità della componente estensoria delle anche.

L’intervento del fisioterapista è volto al riequilibrio di queste disfunzioni meccaniche attraverso tecniche di trattamento manuale, alle quali è sempre necessario associare esercizi di riattivazione e potenziamento muscolare: solo così la problematica viene trattata a partire dalle cause e non solo maniera sintomatica.

Leave a Comment